Interviste

Book Influencer a chi? Intervista a SILENZIO STO LEGGENDO

Secondo appuntamento con la rubrica “Book Influencer a chi?”.

Con la rubrica “Book Influencer a chi?” cercherò di presentarvi alcuni profili di blogger meritevoli – con i loro punti di forza e i loro punti deboli, i loro gusti e le loro manie – e soprattutto cercheremo, insieme, di dimostrare che ciò che li muove è innanzitutto una passione, quella per i libri.

Non sono tutti uguali: c’è chi punta di più sul blog e chi punta di più sui social, chi si diletta a consigliare solo classici e chi invece, di classici, non si occupa proprio. C’è chi vuole puntare l’attenzione sui libri scritti da donne, chi ama soprattutto gialli e romanzi storici, chi non legge autori autopubblicati e chi si occupa prevalentemente di saggistica. Ciò che conta, in ogni caso, è che in questa varietà nessuno tratta la materia letteraria con superficialità. Opinioni, riflessioni, giudizi dettati dal gusto personale: niente viene lasciato al caso.

E se poi parlare di libri, fotografarli, scriverne e consigliarli diventa un reato, beh, ce lo faranno sapere. Nel frattempo, visto che i libri sono fatti per essere comprati e letti, noi ci mettiamo del nostro. Dopotutto, molti sono gli editori, gli uffici stampa, gli scrittori e soprattutto i lettori che hanno deciso di dare credito a questa categoria. Forse, sarebbe il caso di cominciare a capire il perché.

Se vorrete condividere questa intervista e sposare il progetto, usate l’#: #BookInfluencerAChi

20200127_163035_0000

Questa volta parliamo del blog “Silenzio sto leggendo” e della ricchissima e accurata attività di Azzurra Sichera, ideatrice del suddetto lit-blog.

INTERVISTA AD AZZURRA SICHERA, SILENZIOSTOLEGGENDO

IMG-20200205-WA0037
Azzurra Sichera, “Silenzio sto leggendo”
  1. Chi è Azzurra Sichera, in arte “Silenzio sto leggendo”? Descrivi te stessa e il tuo blog utilizzando tre aggettivi – e ovviamente motivando la risposta.

Le linee semplici ed essenziali del mio blog mi rispecchiano molto. Tendo a essere abbastanza solitaria, quindi anche il nome che ho scelto mi rappresenta parecchio. Ma se si presta ben attenzione, dentro ci sono un sacco di colori: ci vuole solo tanta pazienza per scoprirli tutti.

  1. Qual è la caratteristica principale del tuo blog? Quali sono le linee che hai scelto di seguire quando l’hai aperto? Facci un piccolo riassunto di come e quando nasce.

Sono in disastro per quanto riguarda pianificazione e programmazione. Non ho una linea editoriale, mi piace leggere storie che si adattino al mio stato d’animo del momento, anche per questo cambio spesso genere. Il 7 febbraio 2020 il blog compirà quattro anni e se rileggo adesso alcuni post di quando ho iniziato mi vergogno un sacco! Ma è bello sapere che sono cresciuta anche io, sia come gusti letterari che come approccio alla lettura e, di conseguenza, al modo di raccontare i libri.

IMG-20200211-WA0030
Dall’account Instagram @silenziostoleggendo
  1. Quali sono, secondo te, gli elementi che fanno di un blogger un BUON blogger?

Uno su tutti l’onestà e la trasparenza nei confronti di chi ti segue. Sono convinta che essere se stessi ripaghi sempre.

  1. Cosa rappresentano i libri nella tua vita e nel tuo percorso di blogger?

I libri sono rifugio, casa, sono un’ancora di salvezza. Ci saranno sempre, anche se dovessi smettere di essere una blogger. In questi anni sono stati il ponte che mi ha unita ad altri lettori, dandomi la possibilità di creare delle amicizie e uno scambio quotidiano. Non riuscirei a immaginarmi senza libri per casa o senza la mia pila sempre in precario equilibrio sul comodino.

  1. Come ti rapporti al pubblico dei tuoi lettori?

Con la mia timidezza, il mio essere impacciata e tanto emotiva. Come faccio con tutti, del resto.

  1. Cos’è, per te, un “buon libro”? Quali sono gli ingredienti che lo rendono tale?

Un “buon libro” per me è quello che racconta “una buona storia”, una di quelle capaci di farmi perdere la cognizione del tempo. E deve narrarmi di personaggi con il quale creare un legame autentico, fatto di risate, di pianti, di senso di perdita una volta terminato il libro. E possibilmente con tutti i congiuntivi corretti!

  1. So che è una domanda superflua e al contempo difficile, ma: autore e libro preferiti?

È una domanda impossibile! Non si può dare una sola risposta, anche perché ho notato come i miei gusti siano spesso cambiati negli anni. Come mi è già capitato di dire, sono molto legata ai libri di Bianca Pitzorno che sono stati tra i primi che mi ha regalato mia madre e che mi hanno fatto amare la lettura. Alcuni dei suoi titoli li ricorderò per sempre, come la sensazione di stupore e di meraviglia a ogni nuova storia.

20200304_121743_0000

  1. Sui book blogger, bookstagrammer e book influencer se ne dicono di ogni: qual è la critica che, ad oggi, reputi la più errata?

Che sappiamo solo scattare delle foto accostando un libro a una tazza. Non hanno idea né di quanto lavoro ci sia dietro la cura e il mantenimento di un blog, né cosa significhi gestire una comunicazione su piattaforme social diverse. Noi i libri li scegliamo, li compriamo, li leggiamo, li viviamo. Siamo lettori, prima di tutto, e quando ci viene tolto questo ruolo ci rimango male. Ho sempre consigliato romanzi da leggere, adesso sto solo utilizzando degli strumenti che mi danno la possibilità di farmi ascoltare da più persone. Io la trovo un’esperienza bellissima, chi critica spesso lo fa senza nemmeno capire contro cosa si stia scagliando. Ma poi, davvero il problema siamo noi che parliamo di libri?

  1. Parliamo infine del profilo Instagram. Quanto tempo investi nella cura del profilo? Quali sono, un po’ come per il blog, le tue linee guida? Ed infine: “immagine vs contenuto” o “immagine + contenuto”?

Devo ammettere che fino a qualche mese fa riuscivo a dedicare molto più tempo a Instagram, ma cerco comunque di gestirlo al meglio. Fare le storie ancora adesso mi imbarazza da morire, ma ho capito che è giusto associare un profilo a un volto. Anche in questo caso, non ho linee guida, come per il blog. Però mi piace provare a creare immagini che diano il giusto rilievo al libro e che siano piacevoli da vedere. Del resto è un social fotografico, non mi sembra ci sia da aggiungere altro. Il contenuto vero e proprio per me rimane sul blog, che è comunque il mio mezzo principale di espressione. Se posto qualcosa che non rimanda a un post allora cerco di interagire con gli altri o di raccontare un pezzo di me. Immagine e contenuto non le considero due cose separate, ritengo che una foto già comunichi molto, sia nel cosa rappresenta sia nel come sia stata scattata. Basta solo avere voglia di soffermarsi un po’ e di guardare con attenzione.

 

IMG-20200211-WA0031
Dall’account Instagram @silenziostoleggendo

 

Potete trovarla su Instagram come:

@silenziostoleggendo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...