#AmoreDiLetto

Maria Bellonci: tra storia e poesia

“Quando uscii con ‘Lucrezia’ ero nettamente controcorrente. Allora la critica teneva in considerazione soltanto i giochi stilistici della ‘prosa d’arte’ e io invece raccontavo, in una prosa nutrita, storie di uomini e di donne nelle loro correlazioni interiori ed esteriori”.

“In un’intervista del 1983 Maria Villavecchia in Bellonci – che sarebbe scomparsa di lì a tre anni senza poter ricordare la vittoria del suo “Rinascimento privato” al “suo” Premio Strega – dichiarava le difficoltà di scrittrice in un’epoca in cui, a parte la stampa di regime (“Lucrezia Borgia” è del 1939), la critica militante tendeva a concentrarsi su ben altre questioni, che nulla avevano a che fare con i tentativi di certe scrittrici di uscire dal mondo del romanzo d’appendice di fine Ottocento e primo Novecento. Maria Bellonci, in questo suo riuscitissimo tentativo, grazie al quale ci ha regalato romanzi come “I segreti dei Gonzaga” o i tre racconti raccolti in “Tu vipera gentile”, ha attuato nel cuore del romanzo storico delle piccole grandi rivoluzioni”.

Per continuare a leggere clicca qui.

maria bellonci
Maria Bellonci (da Wikipedia)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...