R.I.S. in scena con “I silenzi di porpora”

carlo romanzo sienzi di portpora

Prendete una storia, metteteci dentro un capitano del R.I.S. – Reparto Investigazioni Scientifiche – di Messina, un assassino/a, una serie di delitti atroci che si dipanano tra i musei delle più grandi città siciliane, una grande dose di suspanse – mista ad inquietudine e, a tratti, ad autentico terrore – e un eccellente ritratto psicologico dei personaggi: avrete il thriller perfetto.

Thriller perfetto che da ora ha un titolo, Silenzi di porpora, e un autore, Carlo Romano, biologo molecolare nonché Maggiore dei Carabinieri del R.I.S. di Messina. Questo gioiello di ansia e paura, edito da Falco Editore, è l’opera prima di Carlo Romano, che ha voluto esordire con un romanzo che non lascia scampo al lettore. Intenso, coinvolgente e complesso.

Ci troviamo in Sicilia insieme a Giovanni Raimondi, neocapitano del R.I.S. di Messina, insieme a Santarelli, il suo collaboratore più anziano ma anche il più vicino a Raimondi per intuizione e intelligenza, e insieme a tutta la squadra del Reparto Investigazioni Scientifiche, chiamata ad indagare su una serie di omicidi che hanno qualcosa di assurdamente macabro.

L’assassino o l’assassina di cui Raimondi dovrà scoprire l’identità si sta divertendo a dare spettacolo della propria follia: nei più famosi musei delle più grandi città isolane vengono ritrovati dei veri e propri mosaici umani, una coppia di individui trucidati, dissanguati e poi ricomposti scambiando le parti dei due corpi.

Chi può mai compiere un gesto simile? E soprattutto, perché? Per quale motivo i corpi vengono sempre ritrovati in una cornice museale? Qual è il filo conduttore che porterà alla mente malata dell’assassino?

Una Sicilia grande e accogliente fa da sfondo a questa storia fatta di misteri, vendette e sanguinosi omicidi, una storia in cui la complessità della trama e la meticolosa descrizione di tutte le sue fasi, gioca certamente a favore dell’autore e anche del pubblico di lettori. Mentre ci si affeziona, a mano a mano, al capitano Raimondi e a tutta la squadra, non si può fare a meno di seguire con attenzione una vicenda che non ha nulla di scontato: fino alla fine il lettore porterà avanti la sua tesi, arrivando ad un passo dalla verità, ma che potrebbe essere smentita da un bel colpo di scena sul finire del romanzo.

Carlo Romano attua, con successo, un’operazione difficile e delicata: utilizzando tutti gli strumenti della sua realtà quotidiana, costruisce una trama che ruota attorno ad uncospicuo numero di personaggi. La particolarità, però, è che non ci troviamo di fronte a dei protagonisti artificiosi, statici, confinati entro il recinto delle macchiette classiche del giallo, nessun figurante banale o presentato in modo superficiale, ma anzi, sembrerà quasi di conoscerli, tanto sono vicini alla realtà di tutti i giorni: Romano porta in scena il suo lavoro, porta in scena il R.I.S. di Messina, aiutando il lettore ad immergersi nelle atmosfere che proprio l’autore vive ogni giorno.

Perfino la dovizia di particolari con cui vengono descritte le scene del crimine, le procedure effettuate nelle indagini, gli attrezzi utilizzati in laboratorio, contribuisce ad accentuare la suspanse e al contempo rende tutto molto più veritiero e, proprio per questo, accattivante.

carlo romano

Carlo Romano, insomma, sceglie diromanzare la realtà dei fatti, quella realtà che, purtroppo di frequente, leggiamo negli inserti di cronaca nera, ma lo fa tratteggiando il profilo psicologico dei soggetti e soprattutto dell’assassino. Il romanzo, esattamente come fa il serial killer, oscilla tra la vita e la morte, tra quel tutto e quel nulla che proprio il criminale vorrebbe indossare.

“Aveva danzato sul filo sottile che separa la vita dalla morte vestito del tutto e del nulla”.

L’elemento della danza richiama decisamente un appiglio alla vita, alla gioia dell’esistenza, gioia che, però, viene inabissata dall’esaltazione della morte: l’assassino distrugge per poter vivere di nuovo, per impregnarsi del nulla e quindi di un tutto che non gli appartiene, ma che sottrae alle sue prede. Dietro il macabro piano di uccisione delle sue vittime, infatti, il folle omicida nasconde un intento ben preciso, protetto da una ferrea psicologia dell’assurdo in cui si alternano i desideri di rinascita e di distruzione, gli estremi del destino dell’uomo.

Lo stile asciutto, limpido e velato di una sottile ironia – che non manca di far scappare un sorriso al lettore, specie durante i dialoghi tra Raimondi e Santarelli – è arricchito, inoltre, da un elemento che regala al thriller qualcosa di gustosamente letterario: Carlo Romano, con intelligenza e maestria, inserisce all’interno della storia una traccia classica, pochi e semplici spunti che richiamano l’Iliade di Omero e la tradizione della mitologia greca. Una scelta vincente per fare di un grande thriller anche un giallo raffinato, paragonabile per ricchezza della trama e finezza psicologica a Il silenzio degli innocenti di Thomas Harris.

Un romanzo d’esordio che non lascia dubbi, un autore che potrebbe rivelarsi una promessa del thriller italiano. Potente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...