Sono un musulmano non sono un terrorista. Chi è l’ISIS e perché?

angela varani parigi

(Illustrazione di Angela Varani – www.angelavarani.com)

Buongiorno lettori,
a tre mesi di distanza è doveroso continuare a parlare non solo dei terribili attentati che hanno sconvolto Parigi – e l’Europa tutta – quel funesto venerdì 13 novembre 2015, ma bisogna continuare a discutere sull’affaire terrorismo. Siamo inguerra, è ormai un dato di fatto. Ma contro chi?
Chi è l’ISIS? Come si struttura? Da chi è composto? E inoltre: come si finanzia questo sedicente e autoproclamato Stato Islamico?
Bisogna, è chiaro, partire dalle basi per avere un quadro più preciso della situazione. L’informazione attraverso i quotidiani, attraverso il web e, ora, anche attraverso i social network, è doverosa. Ma se si vuole andare a fondo e cercare di rintracciare cause fatti e conseguenze (possibili), propongo di studiare qualche testo che ho personalmente letto ed apprezzato.
parigi pace
#PrayForParis – illustrazione di Jean Jullien
 In primis suggerisco i testi che ho recensito nel corso di questo anno suThe Fielder (cliccando sui titoli potete trovare la mia recensione e farvi un’idea più precisa):
Il Califfato nero. Le origini dell’ISIS, il nuovo Medio Oriente, i rischi per l’Occidente di Jack Caravelli e Jordan Foresi, Nutrimenti : un testo basilare per comprendere chi è l’ISIS, come e quando nasce, dove si muove e come si finanzia.
Arte e terrorismo. Sulla distruzione islamica del patrimonio storico artistico di Luca Nannipieri, Rubbettino : per comprendere, tra le altre cose, come l’ISIS riesce a finanziarsi con il saccheggio di opere d’arte e il commercio on line.
La Soldatessa del Califfato. Il racconto della miliziana fuggita dall’ISIS di Simone Di Meo e Giuseppe Iannini, Imprimatur : l’intervista/ confessione shock ad una ex miliziana dell’Is. In appendice trovate anche il manuale di reclutamento.
ISIS 1
C’è un punto, inoltre, su cui vorrei soffermarmi. Oriana Fallaci. Ho sentito e letto, in questi ultimi mesi e in particolare nei giorni subito dopo l’attentato di Parigi, moltissime citazioni presumibilmente tratte dai libri della Fallaci e, beninteso, mi riferisco a La rabbia e l’orgoglio e La forza della ragione.
grazianeri - bracalini -
Graziana Neri – Oriana Fallaci
Attacchi di una violenza inaudita (e menomale che siamo noi quelli che si battono contro il terrorismo) da una parte, atteggiamenti idolatranti dall’altra. La cosa più triste è che spesso la maggior parte di queste persone non ha mai letto la Fallaci, ma parla per partito preso.
Come ben saprete, ormai, io sono un’amante della cara Oriana, la buona, vecchia Oriana che sta a tutti sulle palle. Perché era irriverente, perché aveva un modo piuttosto aggressivo di proporsi e di esporre le proprie idee, eppure Oriana è stata immensa ed è stata molto altro.
Ripenso a Un uomo, ripenso a Lettera a un bambino mai nato, a Penelope alla guerra, a Niente e così sia. Ripenso a Un cappello pieno di ciliegie, alle prime interviste ai divi del cinema raccolte ne Gli antipatici, ripenso anche a Il sesso debole. E poi ci sono quei testi che non potete permettevi il lusso di non leggere, non fosse altro che per avere contezza di chi state (e di cosa state) criticando: parlo di Intervista con la storia e Intervista con il potere. Questa raccolta di interviste ai grandi personaggi che hanno fatto la Storia del Novecento è qualcosa da cui non si può prescindere, se davvero si vuol capire chi è stata Oriana Fallaci.
Ed infine, certo, c’è stata La rabbia e l’orgoglio, c’è stata quell’Oriana che a troppi non è piaciuta. Eppure, nonostante possa capire la posizione di chi si scaglia contro una certa ideologia o contro una certa – miserevole – politica, continuo a non comprendere perché non si dà atto alla Fallaci di quanto ha predetto.
Sbagliato il modo? La do per buona. Giusto. Ma condannare qualcuno per aver sostanzialmente palesato una gran parte della triste verità che stiamo subendo oggi, no, è da vigliacchi. Perché radunare tutti i musulmani sotto la cupola del terrorismo è più che errato, ma nascondersi dietro ad un dito senza avere l’intelligenza di riconoscere da che parte proviene quel male, è altrettanto meschino.
parigi novembre
Vi propongo una riflessione, vediamo se siete d’accordo:

Siamo tutti evidentemente sconvolti. Non doveva andare così, e invece, ancora una volta, è successo.

È successo che 130 vite sono state trucidate al grido di “Allah akbar”, “Allah è grande”. Queste persone sono dunque morte in nome della religione? No, queste persone sono morte per mano della follia, la follia omicida di musulmani integralisti che con Dio c’entrano ben poco.

Siamo tutti concordi nel sostenere che la violenza non è mai figlia di un dio, nessuna religione contiene il germe del male in sé, perché – in quanto tale – si rivolge a qualcosa che con questa miseria terrena ha poco a che vedere.

Eppure è in nome di Allah che gli otto terroristi musulmani hanno fatto una strage, la notte del 13 novembre a Parigi. L’ISIS ha rivendicato gli attentati.

Nel caos più totale di quella notte e del giorno seguente ci siamo scatenati con giudizi da discount, abbiamo puntato il dito contro una razza, un popolo, una religione, senza fare distinzioni, senza riflettere. La paura e l’odio – di riflesso – ci hanno accecato ed abbiamo risposto alla violenza con altra violenza, verbale e fotografica.

Se non ci sono parole per descrivere l’indignazione e la rabbia contro i terroristi, dobbiamo però trovare le parole giuste per capire: l’Islam non è l’ISIS, l’Islam non è fatto di soli terroristi, l’Islam è anche chi vive nel nostro Paese da molti anni e ha allevato i suoi figli – nati in Italia – educandoli al rispetto reciproco. In un momento come questo si fa fatica a pensarlo, ma dobbiamo razionalizzare: più volte, negli ultimi giorni, ho sentito il paragone – giustissimo – tra i terroristi dell’ISIS e Hitler. È un paragone che mi sono permessa di fare anche io, all’indomani della strage alla redazione di Charlie Hebdo (poi rivendicata da Al Qaeda, ma sempre di terrorismo si parla). Giusto e sacrosanto, aggiungo, vedere nella follia dell’ISIS la stessa che ha mosso Hitler, eppure non abbiamo mai dato per scontato che tutti i tedeschi fossero nazisti. Identico discorso vale per noi italiani: siamo forse stati tutti fascisti all’epoca del Duce? O, ancora peggio, dobbiamo forse pensare che tutti noi, abitanti del Belpaese, siamo mafiosi? Ci siamo indignati così tanto – e a ragione – quando, nel luglio del 1997, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, Der Spiegel, dipinse l’Italia (e gli italiani) con un piatto di spaghetti e una pistola fumante sopra.

Questo giustizialismo da macelleria non ci fa onore, ammettiamolo. Tuttavia, il punto è un altro.

Il punto è che siamo in guerra, ora. E dobbiamo combattere, senza tanti giri di parole.

Se vogliamo la pace dobbiamo prima vincere la guerra contro il terrorismo. Ma per intraprendere una guerra – di qualsiasi guerra si parli e combattuta con qualsiasi mezzo – occorre capirne i motivi, individuare da dove proviene il male che si vuole sconfiggere: il male, in questo caso, proviene da quella parte dell’Islam malata, quella che ha un nome – ISIS – e che si serve della religione per conquistare un potere terreno che nulla ha a che vedere con il soprannaturale.

Questo è un dato di fatto e, come tale, va considerato.

Il Califfato nero ha colpito ancora, e questa volta ha ferito uno dei cuori pulsanti dell’Europa: Parigi. I folli miliziani che hanno commesso la strage hanno agito credendo di conquistarsi la loro fetta di Paradiso, perché qualcuno ha insegnato loro che l’unica via possibile è la religione di Allah, e gli infedeli vanno puniti. Chi deride Allah va punito. Chi non sposa la causa musulmana va punito. Con la morte, chiaramente.

La cosa peggiore, tuttavia, è che chi fa il lavaggio del cervello a questi giovani jihadisti è ben consapevole che non è certo Allah che li sta chiamando alle armi. Perché è innanzitutto da qui che dobbiamo partire: chi sono coloro che si arruolano nelle file dell’ISIS? Da chi è composto l’Is? Chi è?

Dobbiamo prima di tutto precisare che coloro che decidono di arruolarsi nell’ISIS (arrivano per lo più dall’aerea mediorientale, Giordania e Libano, e del Nord Africa, Marocco e Libia, oltre che da Russia e Cecenia) lo fanno sì per motivi religiosi, ma la molla più grande è la fame. I soldati, la cui età media è molto bassa (dai quindici/diciassette anni ai quaranta circa) sono mossi soprattutto dalla serie di benefit che il Califfato propone loro. In sostanza, quanti di questi ragazzi, spesso senz’arte né parte, in gravi difficoltà economiche, sanno davvero a cosa vanno incontro? E ancora peggio: quanti di loro subiscono un vero e proprio lavaggio del cervello credendo di guadagnarsi il Paradiso con le stragi degli infedeli?

“Il Califfato ha una religione ufficiale – la Shari’a – e una religione nascosta, segreta ma non per questo meno importante. Una religione che regola tutti i meccanismi e tutta la vita dello Stato Islamico come e, forse più, dello stesso Corano. È la religione del dio denaro”.

Sono queste le parole chiare e dirette della miliziana fuggita dall’ISIS e intervistata da Di Meo e Iannini ne “La Soldatessa del Califfato”. Il dio denaro è ben più forte di Allah, ben più potente, anzi, ben più grande. È lui il dio che realmente condanna e uccide. Lui è il dio che governa quel tumore dell’Islam chiamato ISIS.

Ma chi è, invece, l’Islam? E perché parliamo di Islam “moderato”? Noi abbiamo forse un Cristianesimo “moderato”? No. C’è sicuramente un Cristianesimo che, in nome di Dio, ha combattuto crociate e bruciato le streghe al rogo, ma, insomma, eravamo anche in pieno Medioevo. E pur constatando che anche oggi esistono i fanatici – per qualsiasi tipo di religione – dobbiamo intelligentemente e obiettivamente ammettere che NESSUNO UCCIDE 130 PERSONE, per fanatismo religioso, all’urlo di “Allah è grande!”

Perché bisogna ricordare che il fondamentalismo di cui si parla in questo caso è un fondamentalismo che uccide il prossimo, il diverso, l’altro. Colui che viene considerato infedele.

Dunque, per capire l’Islam occorre partire dalla base: il Corano.

E qui subentrano i problemi, difficili da superare perché la lettura del Corano è di per sé un problema: esistono varie interpretazioni? Come affrontare la lettura in modo corretto? Non possiamo prescindere da questo, è evidente, perché se i fondamentalisti fanno appello al Corano, l’Islam “moderato” fa altrettanto. E perché, allora, Magdi Allam, che prima di convertirsi al Cristianesimo è stato per 56 anni musulmano, ha scelto di abbandonare la via dell’Islam sostenendo che un Islam moderato non esiste?

E perché, ancora, se Magdi Allam suggerisce e legge alcuni brani del Corano – tradotti, lo ricordo ancora, da lui che è giornalista, politico e scrittore egiziano che ha abbracciato la fede musulmana per più di 50 anni – viene considerato dagli altri fratelli musulmani (come è recentemente successo in varie trasmissioni televisive, Virus e Quinta colonna) soggetto non credibile, solo perché si è convertito? Allam legge e interpreta. E perché invece gli altri fedeli musulmani dicono che la sua interpretazione non è corretta?

Queste sono le domande che, a mente fredda, per quanto possibile, dovremmo iniziare a porci. Per capire, analizzare e agire. In modo consapevole e diretto e soprattutto senza più paura. Non è uno scontro fra civiltà (ammesso e non concesso che di civiltà si possa parlare, nel senso letterale del termine), ma è una guerra per contrastare la follia omicida dei terroristi. Ma per combattere serve strategia, razionalità e alleanza con quell’Islam succube anch’esso del terrore jihadista.

Confrontiamoci, sempre. Ditemi come la pensate.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...